Tradizione

La più alta tradizione pasticcera italiana per i migliori prodotti dolciari artigianali, con l'utilizzo di ingredienti di primissima qualità e di tanta passione per soddisfare il vostro gusto.

Passione

Di generazione in generazione la passione per l'arte dolciaria e la maestria dei nostri mastri pasticceri in un'esplosione di profumi e aromi per i vostri sensi.

Qualità

L'inconfondibile tradizione dolciaria locale per bontà raffinate e sapori di altri tempi. Piaceri culinari di rara qualità ed eleganza per il piacere del vostro palato.

Sapevate che

La storia del torrone

Nel De re culinaria, Apicio parla di un dolce, che potrebbe essere l'antesignano del torrone moderno, preparato con miele, mandorle ed il bianco d'uovo. Tra l’altro, il nome “torrone” deriverebbe da “torrere” che vuol dire “tostare”, in riferimento alle mandorle utilizzate.

Secondo alcuni, il torrone potrebbe avere origini arabe: a conferma di ciò si cita, nella cucina orientale, un impasto a base di mandorle, miele e zucchero, con aromi dispezie, importato in Italia dai Veneziani, che avevano intensi scambi commerciali con i paesi del Mediterraneo orientale. Questa dolce composizione acquistò fama e successo dal Medioevo in poi: era preparata per la ricorrenza del Natale e per tutte le feste importanti. Il bianco torrone era servito come una prelibatezza anche nei banchetti di nozze, infatti il menù approntato in occasione del matrimonio di Francesco Sforza con Bianca Maria Visconti, avvenuto a Cremona nel 1441, fra le tante leccornie, prevedeva un dolce di mandorle, miele, bianco d’uovo che nella forma riproduceva la torre cittadina, detta Torrione.

La tradizione cremonese vuole che proprio dal Torrione della cittadina derivi il nome “torrone”.

Non si può negare che la città di Cremona sia sempre stata rinomata per il suo torrone che veniva richiesto in ogni parte d’Italia.

Ci sono testimonianze che confermano la fama di questo dolce cremonese: a metà del XVI secolo il Podestà di Cremona ricevette da un ricco borghese cremonese una lettera dove lo pregava di fargli pervenire “200 scatole di torrone di una libra l’uno al computo de soldi 5 e denari 6 per libra” perché doveva offrirlo per il Natale alle autorità della Camera regia della “città di Milano”.

    storia-torrone

Leggi tutto...

La vera storia del panettone

La vera storia della nascita del famoso dolce ambrosiano è avvolta nel più fitto dei misteri. Tuttavia, diverse leggende, ne raccontano le origini e tra queste la più accreditata narra, di un grandioso pranzo natalizio in "casa" Sforza. I potenti signori meneghini, soddisfatti per questo pranzo, nel quale ogni portata aveva superato la precedente per bontà, attendevano con ansia il momento dei dolci.

storia-panettone    

Il cuoco, fin li perfetto, si accorse, improvvisamente, che il forno gli aveva giocato un brutto scherzo! Tutto quanto da lui cucinato si era bruciato!!!! Mentre, disperato, si stava accingendo ad andare nella sala a scusarsi con i commensali, il suo aiutante, chiamato Toni, gli propose di presentare il dolce che lui aveva preparato con gli avanzi. II cuoco, non avendo altra scelta, accettò e presentò in tavola "quella specie di pane" fatta dal suo sguattero.

Di lì a poco, con grande meraviglia del cuoco, un coro di evviva e di complimenti, si levò dalla sala. Il cuoco, dovete sapere, che era una persona molto onesta e, malgrado fosse osannato da tutti, confessò che il merito andava al suo aiutante ed al suo "Pan di Toni".

Leggi tutto...

MAPPA DEL SITO

Home

La storia

I nostri prodotti

Contatti

DOLCIARIA BETTACCHI

Un nome che da 150 anni porta con se tutto il gusto ed il sapore della tradizione dolciaria italiana.

Questa è la nostra passione, questa è la dolciaria BETTACCHI.

COME CONTATTARCI

La dolciaria BETTACCHI è a Pollenza (MC).

Potete contattarci utilizzando il seguente indirizzo di Posta Elettronica:

info@bettacchi.it

LOGIN


SEI QUI SAPEVATE CHE..

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, vedi Termini e Condizioni.

Accetto i cookies da questo sito.